EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Oggi è 19 dicembre 2018, 13:55

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


AVVISO: attualmente stai visualizzando il forum come Ospite, Per usufruire di tutte le funzioni del Forum iscriviti o esegui l'accesso

Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 96 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5 ... 7  Prossimo
Autore Messaggio
MessaggioInviato: 5 febbraio 2018, 19:49 
Avatar utente
Non connesso
Livello utente:
Livello 10

Iscritto il: 9 febbraio 2007
Messaggi: 8445
Località: Milano
D'accordo con Mark apro il post relativo alle recensioni sugli sci provati. Rimando al profilo Facebook di Mark dove è presente un’ampissima documentazione fotografica dell’evento e dei materiali testati.

Sembra ieri quando ho partecipato per la prima volta al test che Ornello Sport organizzava a Passo Monte Croce ed invece questa per me è l’undicesima volta. In questi anni di acqua sotto i ponti ne è passata tanta, sono successe tante cose, molte piacevoli, qualcuna no ed ha segnato in modo significativo la vita di alcuni di noi, ho conosciuto diverse persone, alcune con il tempo le ho perse di vista, con altri invece è nata una vera amicizia. Quindi assolutamente non potevo mancare anche a questa edizione, che come al solito è stata organizzata in modo impeccabile da Mark, malgrado come sappiamo tutti, avrebbe avuto delle validissime ragioni per annullare tutto. Un grazie particolare, come al solito, deve andare ai rappresentanti delle varie case, sempre disponibilissimi e pazientissimi nel soddisfare tutte le nostre richieste e curiosità. Infine lasciatemi formulare i più sinceri auguri di pronta guarigione a Chicco, che proprio all’ultima pista è caduto procurandosi una frattura alla clavicola.

Ma entriamo nel dettaglio. Mi sembra di poter affermare che ormai da un paio di stagioni il campo di battaglia sui cui si stanno sfidando le principali case sia quello degli allround top, sci derivati dagli SL, ma allungati ed addolciti nel comportamento per essere proposti come valida alternativa ai GS negozio che prima la facevano da padroni assoluti nell’ambito dei modelli top da pista. In questo contesto sono nati per primi gli Atomic XT, poi l’XLab di Salomon ed a seguire l’i.race di Head. Sci che proponevano - e propongono - la stessa struttura dei modelli top, ma con sciancrature e raggi intermedi tra un SL ed un GS. Erano entrati sul mercato in punta di piedi, come dei prototipi, dei prodotti di nicchia, quasi per saggiarne le potenzialità e verificarne il successo. Ed il successo, soprattutto per l’XT è risultato strepitoso. Solo che, soprattutto i primi XT, essendo derivati da un SL FIS risultavano un po’ troppo impegnativi per un’utenza normale che vuole divertirsi sulla neve senza dover per forza di cose massacrarsi le gambe. Per cui oggi sul mercato sono arrivati sci più facili, più “turistici” se mi passate il termine, con cui farci anche la settimana bianca ed in grado di soddisfare una fascia di utenza molto più ampia. Uno sci “totale” per la pista, probabilmente lo sci del futuro. E per chi non si accontentasse e volesse ancora di più? Beh, basta prendere il modello standard, montargli una piastra gara ed il gioco è fatto… :D


ATOMIC
La scorsa stagione la casa austriaca aveva rinnovato radicalmente la propria gamma lanciando la serie 9, G, S ed X, tutti dotati del nuovo sistema di ammortizzazione servotec , che andavano a sostituire i precedenti GS, SL ed XT della serie doubledeck. Quest’anno ha rivisto la grafica degli X9, adesso proposti in un colore verde che può piacere o meno, ma non li fa passare certo inosservati, affiancando al modello “normale”, un modello che possiamo definire “master” che monta la piastra/attacco racing e che ne cambia totalmente il carattere.

Atomic X9 175 racing
Questo sci è stato in assoluto la star del test; in pratica, come dicevo sopra, è l’X9 dotato della piastra racing, ed è la dimostrazione pratica di come questa componente sia fondamentale negli sci moderni. Questo modello infatti, pur mantenendo l’estrema leggerezza del fratello “normale”, già dalle prime curve dimostra di essere sostanzialmente diverso nel carattere. Dell’X9 infatti ha la facilità e l’immediatezza, tanto che ti sembra di averlo sempre sciato, ma appena si accelera ci si rende conto di come sia decisamente più sostanzioso; reattivo il giusto, non è mai bizzoso o imprevedibile nelle risposte, anzi invita quasi ad aumentare la velocità; più si va forte più lo si sente piantato a terra, è rapido come un SL, ma ha una tenuta ed una precisione ad alta velocità tipica di un GS, e di quelli fatti bene per giunta. Il meglio di se lo dà soprattutto nei cambi di ritmo e di raggio dove diventa veramente una macchina da guerra: gira in un lampo e non ha mai un tentennamento, mai una sbavatura, mai una risposta imprevista, lo metti lì e lui sta lì, ti infonde una sicurezza che pochi altri sci riescono a dare.
Quando lo scorso anno avevo provato l’X9 avevo concluso la mia recensione scrivendo “E’ l’attrezzo perfetto per chi vuole uno sci per fare di tutto e di più, per andare a spasso e farsi otto ore sulla neve in tutto relax, ma che quando premi il gas risponde immediatamente… però non ti dà mai quella scarica di adrenalina che ti dava il predecessore “cattivo” Xt.” ,
beh, adesso posso scrivere tranquillamente: “bentornato XT” , anche se dell’XT questo X9 racing (passatemi il termine perché non so quale nome commerciale abbia) ripropone tutto il buono, ma perde quella scorbuticità che contraddistingueva il suo illustre predecessore delle primissime edizioni che lo rendeva parecchio impegnativo e non alla portata di tutti. Cosa aggiungere d’altro? Solo un consiglio, se ne avrete l’occasione, provatelo, sono sicuro che ve ne innamorerete, come se ne sono innamorati tutti quelli che ci sono saliti sopra in questi due giorni.
PS: ma proprio verde dovevano farlo? Mah…

Atomic X9 175
A distanza di un anno ho voluto riprovare l’X9 in versione “standard”, che come dicevo rispetto al modello precedente presenta sostanzialmente solo una veste grafica diversa, verde appunto, ed un attacco dedicato sempre in tinta. Beh, cosa dire? Potrei fare copia e incolla di quello che avevo scritto lo scorso anno: sci sincero, intuitivo, mai impegnativo, perdona molto e resta sicuramente ai vertici della sua categoria, quella degli allround top, in grado di perdonare eventuali errori di impostazione e quindi accessibile ad un’ampissima fascia di potenziali utenti. Uno sci perfetto per chi si vuole divertire, senza avere ai piedi un attrezzo troppo impegnativo e stancante… certo che dopo aver provato la versione racing… ;)


FISCHER

Dopo la rivoluzione The curv degli anni precedenti, questa stagione Fischer ha dedicato la propria attenzione prevalentemente al mondo scarponi, lasciando praticamente invariata la collezione sci. E’ stata quindi l’occasione per riprovare un grande classico della casa austriaca.

Fischer RC4 WC SC 165
Da qualche anno non salivo su questo modello, che a pari del fratello RC ha fatto la storia della casa austriaca. In questa versione è bellissima graficamente, a parte il buco tappato in punta che non mi è proprio mai piaciuto, e presenta la soletta giallo fluo che è ormai diventata un must per i modelli race di Fischer. L’ho provato sabato pomeriggio con la pista ormai molto sfasciata, che obbligava a continui cambi di ritmo e a girare costantemente su fondo durissimo per evitare i mucchi di neve che si erano ormai creati. Solo in alcuni tratti, quelli più pianeggianti ho potuto farlo correre impostando qualche bella curva da gigante. Forse perché in questi due giorni ho provato un paio di modelli da speciale che hanno un carattere ben più sostanzioso, devo ammettere che mi ha un pochino deluso. Per i miei gusti, infatti, è forse troppo SC e un po’ troppo poco SL, piuttosto diverso da come me lo ricordavo io. E’ facilissimo, tollera tutto, ma manca di mordente. Non lo puoi mettere piatto perché comincia a muoversi, se allarghi il raggio di curva e soprattutto se aumenti la velocità lo senti che diventa ballerino. Ok è pur sempre un derivato da un SL, ma rispetto ai prodotti top della concorrenza mi sembra di un gradino sotto. E’ anche vero che Fischer anche per il corto raggio punta ormai sul The curv in misura corta, ma un pochino di cattiveria in più da uno sci come questo me la sarei comunque aspettato. Lo consiglierei a chi vuole uno slalom carve facilissimo e poco impegnativo, che non sia però alla ricerca della verve tipica dei gara da pali stretti.


HEAD

Head da tempo ha adottato – e giustamente a mio parere – la filosofia del “cavallo che vince non si cambia”, per cui anche in questa stagione ha mantenuto praticamente invariate le sue serie top, world cup e supershape, aggiornandone solo la grafica della prima ed introducendo una nuova finitura nei supershape che ne aumentano notevolmente la resistenza ad eventuali graffi o urti superficiali. Però una novità c’è, e che novità…


Head WC Rebels i.race pro 175
Come l’i.race 2018 era stata la risposta di Head all’Atomic X9, questo i.race pro vuole essere il concorrente per il nuovo X9 racing e proprio come il suo rivale di Altenmarkt lo ha dotato della piastra gara che già da qualche stagione è presente sul modello da gigante. L’ho provato come primo sci domenica mattina su una pista ancora immacolata e devo confessare di essermi divertito un mondo. Se avevo definito l’i.race normale un supershape speed vitaminizzato, beh questo pro può a sua volta essere considerato un “super i.race”. Gira solo a pensarlo, ma come tutti gli Head, lo fa con naturalezza, non è particolarmente cattivo, però trasmette emozioni vere, è facile, ma mai banale, se lo fai correre va che è un piacere, e proprio come l’Atomic ed il nuovo Salomon race pro di cui parlerò in seguito, ti infonde estrema sicurezza non appena imposti la prima curva. Ti sembra di averlo sempre sciato e quasi ti inviti a spingere ed ad alzare sempre più l’asticella. Rispetto ai suoi due concorrenti mi è sembrato che questo Head giri ancora di più, malgrado abbia lo stesso raggio teorico, pur offrendo la stessa tenuta e precisione quando allarghi le curve e soprattutto aumenti la velocità. Sono convinto che anche il solo cercare i limiti di questa tipologia di sci sia praticamente impossibile per uno sciatore normale, perché nello stretto si comportano tutti come degli SL, anche se sono sempre più facili e perdonano di più dei modelli specializzati, e quando li fai andare vanno come e più di uno sci da gigante. Unica avvertenza, sono pur sempre degli sci con sciancrature aggressive, stretti al centro, per cui un pizzico di accortezza bisogna pur mettercela, perché non amano per niente le internate e nella fattispecie possono diventare pericolosi.


ROSSIGNOL

Grandi novità in casa Rossignol per la stagione 2018/19. La casa francese se ha solo aggiornato i master con una nuova piastra che ne accentua ancora di più il carattere sportivo, ha praticamente rifatto il suo modello di punta, l’HERO LT TI.

Rossignol Master 18 175
Tutti gli anni lo prendo e ci faccio un paio di giri, e tutti gli anni mi stupisco di quanto sia centrato questo sci. Non so se si può mettere a confronto con gli altri modelli di raggio intermedio “master”, come l’X9 racing e via dicendo, perché il 18, pur essendo più “slalomeggiante” dei suoi fratelli più lunghi, ha pur sempre un raggio superiore di tre metri rispetto ai suoi potenziali concorrenti, ma soprattutto mantiene una struttura più da FIS. E’ lo sci da archi per eccellenza, gira parecchio, ma richiede un discreto sforzo per farlo girare, devi caricare bene la spatola e schiacciare come si deve, e allora lui ti ripaga, come ha sempre fatto, con una risposta a dir poco entusiasmante. Non saprei dire se la nuova piastra ne ha modificato in modo significativo le prestazioni, per poterlo fare bisognerebbe scendere dal vecchio modello e salire sul nuovo, ma di sicuro posso dire che è rimasto un grandissimo sci, anche se comunque più impegnativo di un normale sci da pista “negozio”.


Rossignol Master 21 180
E’ un altro dei mei sci favoriti. Invece questa volta proprio non mi sono trovato a mio agio. Fin dalle prime curve non sono riuscito a farlo girare, le ho tentate tutte, ho provato a caricare la spatola, niente, ho provato ad alleggerire la pressione, niente, ho provato a pilotarlo con i piedi, un po’ meglio, ma di poco, proprio non riuscivo a farlo entrare in curva. Ho fatto una seconda pista, pensando che magari dovevo riprendere un po’ il feeling con un gigante vero dopo aver sciato per la maggior parte del test con sci di raggio inferiore (ero appena sceso dall’X9), ma non c’è stato verso… non sono proprio riuscito a farlo andare dove volevo, tant’è che sono sceso piano piano, non nascondo con una buona dose di paura, e l’ho restituito volentieri agli addetti Rossignol, facendomi consegnare il nuovo LT TI. Una preparazione troppo aggressiva per le condizioni della pista? Mah… anche Cesare, che mi aveva preceduto nella prova e che me lo aveva ceduto, non si è trovato a suo agio e come me ha avvertito una estrema difficoltà nel farlo girare… Di sicuro per questa volta non posso esprimere un giudizio, per cui mi riprometto di riprovarlo in altre circostanze.


Rossignol Hero LT TI 177
Avete letto bene, non è un errore, la misura è proprio 177 e non più 176 come nella versione precedente. Già perché del vecchio LT TI questo nuovo modello mantiene ben poco, il rosso della serigrafia, la grafica che richiama il vecchio modello e poco altro. Come in passato anche il nuovo sci viene proposto in due versioni, con piastra normale e con piastra racing. Io mi sono fatto dare volutamente il modello standard, che ritengo dovrebbe essere quello maggiormente venduto. Scendendo dal master, che pesa una tonnellata, lo senti piacevolmente leggero, ma non eccessivamente da insospettirti sulla tenuta; inizi a sciarlo e ti rendi conto di quanto sia facile da far entrare in curva, fai una serpentina e lui la fa con dolcezza, aumenti la velocità e risponde bene, cominci a spingere e non fa una piega, sempre prevedibile, mai impegnativo, anche se dà l’impressione di avere ancora tanto a disposizione.
Quando si va a sostituire un vero e proprio best seller com’è stato per anni l’Hero LT TI, si rischia sempre parecchio, ma in questa occasione mi sembra di poter dire che l’obiettivo sia stato pienamente raggiunto. Questo nuovo LT è un gran bel race carve gigante, che sono convinto come il predecessore avrà un enorme successo, perché è sincero nelle risposte, mai difficile, adatto sia a chi deve ancora migliorare il proprio bagaglio tecnico, sia a chi, pur essendo dotato di un’ottima tecnica, ma magari non di una preparazione atletica adeguata, vuole un attrezzo non eccessivamente impegnativo, ma comunque appagante e divertente. E per chi vuole qualcosa di più? Beh, come in passato può sempre sceglierlo in versione con piastra racing.
Unico appunto che posso fare: io proprio non riesco a trovarmi a mio agio con gli attacchi Rossignol, che faccio sempre fatica a chiudere e soprattutto ad aprire, pur tarandoli a 8 din che non è certo una misura estrema. Sarà magari l’abitudine, ma li trovo decisamente macchinosi e mi chiedo sempre se dovessi trovarmi per terra su un muro di una nera, come riuscirei a cavarmela.


SALOMON

Salomon ha rivisto completamente tutte le sue linee top. Spariscono gli XLab, che vengono sostituiti dai nuovi Race pro ed entra in catalogo anche un SL 165 che affianca i consueti 175 e 182, gli XRace lasciano il campo ai Race Rush, che finalmente presentano modelli specifici da SL e da GS, ed infine la serie XMax, allmountain 100% pista, viene soppiantata dai Blast.

Salomon Race Pro 175
Sostituisce l’XLab, ma ne mantiene tutte le caratteristiche che hanno fatto la fortuna di questo sci: immediatezza, velocità nei cambi da urlo, risposte sincere e mai troppo nervose, tenuta sulle curve a lungo raggio da sballo. Se poi sia stato rifatto totalmente, come ci hanno garantito gli uomini Salomon, oppure sia una semplice rivisitazione del vecchio XLab non lo saprei dire, ma sicuramente stiamo parlando del degnissimo concorrente dell’X9, anche se forse un pelo sotto alla nuova versione racing del gemello austriaco. In ogni caso, uno sci da riferimento assoluto in questa categoria.

Salomon Race Pro 165
E’ la versione SL top di gamma negozio, che va ad affiancarsi ai più classici 175 e 182. Bell’attrezzo sicuramente, ma forse un po’ troppo cattivo per essere pienamente godibile in campo libero. Declinato in questa misura, a mio parere naturalmente, risulta un po’ troppo duro e reattivo per essere un “negozio”, anche se proprio per queste caratteristiche permette di darci dentro anche nel dritto e raggiungere anche velocità inavvicinabili per altri SL commerciali. Meno equilibrato dei fratelli più lunghi, risulta molto simile un SL FIS, e questa cattiveria la paghi, perché richiede sicuramente un impegno superiore, per cui mi dà l’impressione che tenerlo ai piedi per tutta la giornata, sciandolo come merita, può risultare parecchio faticoso. Proprio per questo motivo, al contrario di altri slalom più giocosi e tranquilli (io sto sciando praticamente da inizio stagione con un Head i.sl) non credo possa essere lo “sci unico” da tenere in rastrelliera, a meno di avere una preparazione fisica adeguata, ma sarebbe da alternato ad un bel race carve GS per quando si vuole andare a spasso o semplicemente farsi una bella giornata rilassata.

Salomon Race Rush GS 175
Non ho mai fatto mistero che il precedente XRace non mi è mai piaciuto più di tanto. La filosofia di avere un unico modello in varie misure senza differenziarne in modo netto le specificità tra slalom e gigante non mi ha mai convinto, perché a mio parere questo sci non era né carne né pesce e non mi dava alcuna sensazione particolare in nessuna misura. Ora finalmente Salomon è tornata sui propri passi e propone due linee differenti, un SC ed un GS negozio. In pratica questa nuova linea si rivolge agli appassionati che vogliono qualcosa di derivazione race, ma non troppo esasperato, un concorrente diretto quindi ai vari Supershape speed, Hero LT TI e simili, uno sci per divertirsi su qualunque pista ed in qualsiasi condizione di neve, senza risultare mai eccessivamente stancante. E sicuramente i progettisti ci sono riusciti, perché questo bel RC risulta piacevolissimo da sciare. Rispetto al fratello cattivo Race Pro ha una sciancratura meno aggressiva ed un centro di 5 mm superiore ed un raggio 17 nel 175, che se non gli conferiscono l’oscar nella categoria “velocità nei cambi” o in quella della “brillantezza”, gli garantiscono però una fluidità di comportamento notevolissima. In fatto di performance non è il numero uno sul mercato, ed ammetto che continua a non essere il mio race carve preferito, ma devo riconoscergli che mette sul tavolo un comportamento estremamente equilibrato, tant’è che su alcuni tratti di pista abbastanza deserti, considerando che l’ho sciato durante l’ora di pranzo, mi sono quasi stupito di come possa andare forte senza quasi darlo a vedere e soprattutto senza incutere mai soggezione in chi ci sta sopra.
Ps: qualcuno si stupirà, conoscendomi, che non abbia provato il 175 e non il 180. Ho optato per questa misura semplicemente perché il 180 non era presente al test, considerando che il 175 è la misura di punta, che viene ritenuta adatta ad un pubblico molto più ampio di sciatori rispetto al 180.

Salomon Race Blast 175
E’ il nuovo “XMax”, uno sci allround, o allmountain 100% pista come si dice adesso, che ha tutte le carte in regola per giocarsi il ruolo di numero uno in questo settore, che se in Italia è un po’ snobbato, nel resto d’Europa è quello che fa i maggiori fatturati e traina tutto il settore. La prima cosa che noti prendendolo in mano è la soletta bicolore nero-blu che lo contraddistingue. C’è un motivo per questa differenziazione che non è puramente estetica, ma strutturale, però sinceramente non ricordo quali siano in vantaggi rispetto ad una soletta tradizionale. Altra cosa che sorprende, che rispetto al precedente XMax, è che è sicuramente più pesante. Ha misure abbastanza standard per un allround, 121-72-106 r17, che lo avvicinano molto a quelle di un race carve gigante della stessa misura; ad esempio il fratello Race Rush ha 117-70-99 r17, , mentre il magnum 177, uno dei suoi principali concorrenti diretti è 132-73-111 r14,2. Misure quindi non troppo esasperate e non particolarmente aggressive che hanno il pregio di renderlo accessibile veramente a tutti. E sulla neve questa prima impressione viene immediatamente confermata: facile ed intuitivo come pochi altri sci riescono ad essere, gira molto bene, ma in modo dolce e mai aggressivo, lo metti sullo spigolo e lui va che è un piacere, se schiacci senti che risponde immediatamente agli impulsi che gli trasmetti e lo fa in modo equilibrato e corretto. Non pensiate però che sia un mollaccione capace solo di andare a spasso, perché se ci dai dentro lui è lì pronto a scattare e va che è un piacere. Ci ho fatto una discesa a tutta (per le mie capacità ovviamente) e non mi sono assolutamente mai sentito in difficoltà, anche quando lo sci prendeva velocità era sempre bello piantato e non dava mai il minimo segno che potessi essere nemmeno vicino ai suoi limiti. Se dovessi fare uno dei paragoni automobilistici che amo tanto, lo definirei una berlina di lusso, che fa del confort il suo punto di forza, ma che quando apri il gas risponde con prestazioni inaspettate. Lo sci perfetto da argento in su, proprio perché è in grado di abbinare facilità e buone doti di temperamento. Sentiremo parlare parecchio di questo francesino. Promosso a pieni voti.


VOELKL

I tedeschi, come dice la famosa pubblicità, non scherzano mai… :D ed anche in questo caso hanno fatto sul serio, mettendo le mani al loro modello di punta, il Racetiger che ha un UVO ancora più evoluto e lanciando la nuova serie Deacon che sostituisce la precedente Code.

Voelkl Racetiger GS UVO 180
Lo scorso anno non mi aveva pienamente soddisfatto perché a bassa velocità, malgrado fosse l’unico GS presente al test dotato ancora di un discreto rocker, mi era sembrato piuttosto lento ad entrare in curva, mentre aumentando l’andatura la presa di spigolo risultava istantanea. Non so se fosse una situazione dovuta alla preparazione del modello che avevo provato io, ma devo dire che in versione 2019 questo problema è del tutto superato. Lo sci è il solito gran bel puledro, degno del nome che porta. Mi è piaciuto sia per il cambio immediato nello stretto, sia per la tenuta in velocità dove fa dimenticare la leggerezza che lo contraddistingue ed offre una tenuta perfetta. Rispetto al modello dello scorso anno, che mi dava l’impressione lavorasse prevalentemente sulla coda, questo nuovo GS UVO non ti fa sentire minimamente il rocker, risultando più omogeneo nel comportamento. Gran bello sci, mai nevrotico, ma comunque con prestazioni top nella sua categoria. Se posso fare un appunto, la nuova grafica mi sembra ancora più brutta di quella precedente, così come l’UVO è veramente brutto da vedere… ma si sa, de gustibus… :D

Voelkl Racetiger SL UVO 180
Non ho mai nascosto che è uno dei miei sci preferiti. Non sarà il più specialistico, non sarà il più fun, non sarà il più cattivo, ma sicuramente è da sempre il più completo SL negozio in circolazione. Ed anche in questa nuova versione le aspettative non sono andate deluse perché anche questo nuovo Racetiger è ancora lui, uno sci con cui puoi sciare otto ore senza che ti deluda mai, che ti affatichi eccessivamente o che ti possa annoiare. Come sempre è velocissimo nell’entrata in curva (anche se ad esempio il Salomon Race Pro lo è di più) e come prende lo spigolo ti porta dentro e ti spinge con naturalezza ad impostare immediatamente la curva successiva, però lo fa sempre in modo graduale e prevedibile, ti proietta da una curva all’altra in modo quasi naturale, senza trasmetterti quell’effetto fionda che altri SL danno, me che a lungo andare li fanno diventare eccessivamente stancanti. Lui no, lui fa dell’equilibrio la sua forza, e da sempre puoi allargare le traiettorie ed impostare delle belle curve ampie senza avvertire il minimo tentennamento o la minima sbavatura, tanto da renderlo probabilmente uno degli SL più polivalenti in assoluto… si è capito che mi piace, vero? :D Unico difetto che gli ho trovato è che quando la punta sobbalza su un’asperità l’UVO fa un “tec tec” che proprio non mi piace. Non so se sia una cosa voluta o come spero un difetto dell’esemplare che avevo in prova.

Come al solito, un sentito ringraziamento a tutti coloro che hanno avuto la pazienza di leggere fino a qui.

Ps: come di consueto riporterò in seguito queste note, con le opportune modifiche dovute al diverso contesto, anche su SF.

Felicità è: 8.30 del mattino, Hernegg, 20 cm di fresca ed i Monster che fanno la traccia.


 Profilo  
Rispondi citando  
 
MessaggioInviato: 5 febbraio 2018, 21:32 
Avatar utente
Non connesso
Livello utente:
Livello 10

Iscritto il: 9 febbraio 2007
Messaggi: 8445
Località: Milano
,,, naturalmente il Voelkl Racetiger SL UVO testato era 165 e non 180 come erroneamente scritto :D

Felicità è: 8.30 del mattino, Hernegg, 20 cm di fresca ed i Monster che fanno la traccia.


 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: 6 febbraio 2018, 0:58 
Avatar utente
Non connesso
Livello utente:
Livello 8

Iscritto il: 13 dicembre 2006
Messaggi: 4314
Sci utilizzati: atomic, duel, rossignol, head, dynastar
Carissimo Sergio, è sempre un piacere leggerti. :pollicesu::pollicesu::pollicesu:
:)

giò


Immagine


 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: 6 febbraio 2018, 8:54 
Avatar utente
Non connesso
Livello utente:
Livello 9

Iscritto il: 7 aprile 2008
Messaggi: 5666
Località: Roma
Sci utilizzati: Head iSL RD, Head REV 85
Grande Sergione, number 1 come sempre!!!
Io sono ad Istanbul, appena ho una mezz'ora (di notte mi sa :( ) scrivo qlcs...

thefabius!


 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: 6 febbraio 2018, 9:40 
Avatar utente
Non connesso
Livello utente:
Livello 2

Iscritto il: 11 dicembre 2013
Messaggi: 117
Località: Roma/Perugia
Sci utilizzati: Salomon Crossmax 7x e SSS 177
Grazie Renn! Sempre speciale leggere le tue recensioni, ora il problema sarà resistere alle tentazioni


 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: 6 febbraio 2018, 10:55 
Avatar utente
Non connesso
Livello utente:
Livello 10

Iscritto il: 9 febbraio 2007
Messaggi: 8445
Località: Milano
m_giancarlo ha scritto:
Grazie Renn! Sempre speciale leggere le tue recensioni, ora il problema sarà resistere alle tentazioni


È perché mai dovresti resistere?

Felicità è: 8.30 del mattino, Hernegg, 20 cm di fresca ed i Monster che fanno la traccia.


 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: 6 febbraio 2018, 11:02 
Avatar utente
Non connesso
Livello utente:
Livello 2

Iscritto il: 12 marzo 2010
Messaggi: 78
Grazie mille renntiger per la tua recensione, al solito personale ma al contempo obiettiva.
Approfitto di questa discussione per chiedere due cose:
1) c'erano per caso anche i Redster TR 18/19 in prova e qualcuno li ha testati?
2) ho visto che sono stati presentati gli scarponi Head NEXO 130 LVT 2018/19 con sistema LIQUID FIT: qualcuno può scrivere qualcosa in merito a come funziona questo sistema è che vantaggi offre?


 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: 6 febbraio 2018, 11:24 
Avatar utente
Non connesso
Livello utente:
Livello 10

Iscritto il: 9 febbraio 2007
Messaggi: 8445
Località: Milano
Il TR non l’ho visto allo stand, non so se c’era. Il sistema liquid fit sembra molto interessante: in pratica la scarpetta ha delle sacche che vengono riempite di un materiale plastico (Stefano ci ha detto cos’è, ma non me lo ricordo) che va a riempire le parti vuote tra piede e scarpetta e blocca il piede. In pratica il principio è lo stesso delle scarpette ad iniezione, ma il vantaggio è che questa può essere rifatta più e più volte e non è così rigida. Per il momento però la adotta solo il nuovo scarpone touring, ma stanno portando avanti i test per introdurla, se sarà possibile, anche sui futuri race.

Felicità è: 8.30 del mattino, Hernegg, 20 cm di fresca ed i Monster che fanno la traccia.


 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: 6 febbraio 2018, 11:51 
Avatar utente
Non connesso
Livello utente:
Livello 6

Iscritto il: 16 ottobre 2013
Messaggi: 1573
Località: Garda Lake
Sci utilizzati: Master M-21, X-Drive 8.8 179, Ranger 108Ti 188,
otaku ha scritto:
2) ho visto che sono stati presentati gli scarponi Head NEXO 130 LVT 2018/19 con sistema LIQUID FIT: qualcuno può scrivere qualcosa in merito a come funziona questo sistema è che vantaggi offre?


E' come ha detto Sergio. Per il momento in Head confermano il sistema per i modelli touring di alto livello, infatti diciamo che questo brevetto da un 60% confort e 40% performance.

ImmagineImmagine
Immagine


 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: 6 febbraio 2018, 12:03 
Avatar utente
Non connesso
Livello utente:
Livello 10

Iscritto il: 13 giugno 2007
Messaggi: 7760
Località: Isla TF.es
Sci utilizzati: nautici.......
E bravo il nostro tigrotto da corsa! :D:wink:




Cit: "Infine lasciatemi formulare i più sinceri auguri di pronta guarigione a Chicco, che proprio all’ultima pista è caduto procurandosi una frattura alla clavicola."

Mannaggia a li pescetti........, mi unisco agli auguri di pronta guarigione!!!!

.....................Immagine..................


 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: 6 febbraio 2018, 13:12 
Avatar utente
Non connesso
Livello utente:
Livello 2

Iscritto il: 8 gennaio 2011
Messaggi: 76
Località: Scotland
Sci utilizzati: Rossignol 9SL-R20; GTO-190
otaku ha scritto:
Grazie mille renntiger per la tua recensione, al solito personale ma al contempo obiettiva.
Approfitto di questa discussione per chiedere due cose:
1) c'erano per caso anche i Redster TR 18/19 in prova e qualcuno li ha testati?
2) ho visto che sono stati presentati gli scarponi Head NEXO 130 LVT 2018/19 con sistema LIQUID FIT: qualcuno può scrivere qualcosa in merito a come funziona questo sistema è che vantaggi offre?



Qui si vede qualcosa del Liquid Fit

https://www.facebook.com/marcopistoni/p ... 0268848641

Il materiale iniettato resta sempre liquido e puo' essere sia aggiunto che tolto in seguito a seconda delle necessita'


 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: 6 febbraio 2018, 13:55 
Avatar utente
Non connesso
Livello utente:
Livello 9

Iscritto il: 7 aprile 2008
Messaggi: 5666
Località: Roma
Sci utilizzati: Head iSL RD, Head REV 85
Io ho avuto la possibilità di usarlo tutta una mattina, lo metterò nelle mie recensioni...

thefabius!


 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: 6 febbraio 2018, 15:21 
Avatar utente
Non connesso
Livello utente:
Moderatore & Guru

Iscritto il: 12 dicembre 2006
Messaggi: 7014
Località: Lombardia
Sci utilizzati: TUTTI QUELLI CHE VENDO
Complimenti RENN davvero un ottimo post, hai ragione oramai sono anni e anni che sei dei nostri e l esperienza non manca,
aspettiamo gli altri che mettono i loro post, io da parte mia ho provato 1 paio per azienda e devo dire che ho trovato grandi sci quest anno!!
in merito agli scarponi LIQUID METAL sono gia disponibili in negozio da me
ole mark

Esiste un posto dove si parla solo di sci e a volte di bike


 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: 6 febbraio 2018, 17:20 
Avatar utente
Non connesso
Livello utente:
Livello 6

Iscritto il: 16 ottobre 2013
Messaggi: 1573
Località: Garda Lake
Sci utilizzati: Master M-21, X-Drive 8.8 179, Ranger 108Ti 188,
Concordo con Mark mai come quest'anno ho trovato difficile trovare pecche negli sci, tutti quelli provati indipendentemente dalla tipologia sono stati ottimi.


Intanto posto il mio elenco:

FISCHER RANGER 108
FISCHER THE CURVE GT
VOLKL KENDO
HEAD KORE 99
HEAD IRACE PRO 175
ATOMIC G9 177 RS
ATOMIC X9 175 PIASTRA RACING
ATOMIC X9 175 NORMALE
HEAD I SPEED PRO 175
HEAD I.SL 165
HEAD SS MAGUM 170
VOLKL MANTRA


Per domani dovrei mandare tutte le recensioni.

ImmagineImmagine
Immagine


 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: 6 febbraio 2018, 17:27 
Avatar utente
Non connesso
Livello utente:
Livello 5

Iscritto il: 29 aprile 2009
Messaggi: 1382
Località: Gallarate
Sci utilizzati: Dynastar Course Pro 184 + Atomic XT 182 +...
Eccomi, butto giù anch'io un paio di impressioni di guida, pur senza la professionalità redazionale del buon Renntiger, da molti anni avvezzo ai test ed alle recensioni.

Inizio sempre col descrivere me, il tester: 190 cm, 90 kg di peso, età 46, livello tecnico medio(cre) ma c'è di peggio... :D

Vado in ordine cronologico di prova, così da considerare anche le condizioni delle piste nell'arco della giornata, da tirate al mattino a trifolate nel pomeriggio...

Sabato 3 febbraio

Salomon iRace Pro 175cm R18
Mi sono buttato subito su uno sci "di struttura", per godermi le piste ancora intonse. Da dire che complice la nevicata del giorno prima ed il nevischio in corso, la neve non era certo particolarmente dura.
Ho trovato questo sci di una precisione mostruosa. Inserimento direi automatico, appoggio deciso e stabilissimo, svincolo rapido ed intuitivo. Non credo di essere riuscito ad arrivare nemmeno a metà delle prestazioni che può dare. Mi sono impegnato, ho spinto, ho rischiato con la velocità (a pista liberissima) ma non c'è stato modo di metterlo in crisi. Ottimo sci, nulla da dire. Peccato solo che non fosse disponibile in misure più lunghe (che prediligo), perché con la mia stazza, questo 175 R18 gira fin troppo per essere un "gigante".

Salomon S Max Blast 175
Sono rimasto in casa Salomon ed ho provato questo cuginetto minore, dotato di "edge amplifier", tecnologia che dovrebbe enfatizzare l'azione di spigolo dello sci.
L'ho trovato un buon sci, ma non mi ha entusiasmato. Spingendo e caricando a dovere, a centro curva, ho avuto qualche perdita di aderenza che mi ha lasciato un po' insoddisfatto.
Sicuramente parte di questa sensazione è stata dovuta al fatto che ero appena sceso da uno sci con struttura master, ma ho trovato questo Blast un po' troppo "leggero"...

Fisher DTX Curv 178 R17
Avrei voluto provare il THE Curv 178, ma lo skiman mi ha detto che non c'erano attacchi per i miei 333mm di suola... (sigh!) e devo dire che la cosa mi ha scocciato, perché non è il primo anno che Fisher non porta sci per "piedoni" oppure che non ha voglia di cambiare fori sulle piastre su cui sono avvitati gli attacchi... mah...
Comunque, questo DTX l'ho trovato buono. Ho avuto qualche perplessità iniziale, perché quando provo gli sci tendo ad essere molto brusco in ingresso curva, per sentire subito le reazioni, e questo DTX non ama molto essere maltrattato in ingresso. Ma se si inserisce con un minimo di garbo poi fa benissimo il suo dovere, descrivendo archi precisi e facili da controllare.
La tenuta è ottima ed anche sui muri più ripidi non mette mai in difficoltà per perdite di aderenza. Basta essere un po' delicati in ingresso. Sci morbido ma molto divertente.

Atomic Redster X9 181cm R16.2 piastra Race (attacchi rossi)
Eccoci al mio sci preferito di questo test. Premetto che normalmente scio con un XT ultima versione, 182cm, e che lo adoro, per polivalenza, per carattere e per reattività.
Questo X9 mi ha divertito in egual misura. Forse, rispetto al "vecchio" XT è un po' meno "cattivo" (o brusco) nel rebound in uscita di curva (e non è detto che sia una cosa negativa), ma per il resto è uno sci dal carattere molto frizzante.
A qualsiasi velocità è facile ed intuitivo da condurre, ma da il meglio di sé quando si prova a piegare tanto sulla neve. Chiude le curve con una rapidità ed una precisione da manuale, descrivendo raggi quasi da slalom, ma con la stabilità e l'appoggio di coda di un buon GS che a chi tende ad arretrare, come me, fa davvero molto comodo. Il divertimento è assicurato se si ha voglia di metterci un po' di muscolarità perché risponde per le rime ad ogni sollecitazione, ma non è uno sci faticoso se portato a spasso con più tranquillità. Devo dire che se non avessi l'XT lo comprerei domani mattina.

Voelkl RaceTiger GS19 180cm
Tutti gli anni lo provo, il RaceTiger, e tutti gli anni mi piace sciarci. Quest'anno c'è un UVO ancora più imponente, perché in 3D, ossia ammortizza anche sull'asse verticale, e pare che anche la truttura del sandwich sia stata un po' irrobustita. Ad occhio direi che ha conservato anche un pronunciato rocker in punta, che facilita molto l'ingresso in curva.
Lo sci è facile, facilissimo. Eppure è sempre stabile e anche se si carica rimane bello piantato. Una cosa strana di quest'anno (che almeno io ho notato) è il rumore dell'UVO quando si prendono le asperità sulla neve. Lo si sente ticchettare sulle spatole dello sci. Segno evidente che un certo lavoro lo fa.

Head Supershape iMagnum 177cm
A piste ormai piene di mucchi di neve riportata, sono come al solito salito sul caro vecchio Magnum di casa Head. Che dire... Il solito! Un bello sci, con un carattere un po' particolare, ma facile e molto poco faticoso se portato a spasso con garbo, ma dalle buonissime prestazioni se spinto in maniera decisa. I mucchi e i cumuli da pista vissuta non sono un problema. Lo sci li assorbe bene rimanendo stabile se in conduzione e non impuntandosi se in derapata. Sci dal carattere molto sincero e dalle reazioni molto progressive. A me piace sempre.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


Domenica 4 febbraio
Con le piste un po' più compatte che al sabato, avrei voluto buttarmi sui Master di casa Rossignol o Dinastar, ma anche in questo caso non ho trovato sci con gli attacchi regolati per i miei 333mm di suola... E me ne sono dispiaciuto. Ho quindi ripiegato su:

Rossignol Hero LT 177
Con un po' di "muso" per non aver potuto montare i Master, mi sono buttato sulla Tre Cime un po' incacchiato, aggredendo subito il pendio. Nonostante la foga questo sci si è comportato molto bene, rimanendo stabile e ben ancorato al terreno, pur essendo morbidino come struttura e non supportato da piastre sotto-attacchi particolari. Facile, sincero e molto incline a perdonare errori ed eccessi. Cattiveria zero, ma un ottimo sci da tenere ai piedi tutto il giorno.

Atomic Redster G9 177cm
Uno sci col quale non ero entrato in particolare sintonia lo scorso anno. Ma di cui ho letto e sentito sempre pareri entusiastici. E allora, visto che non è cambiato, ho voluto riprovarlo.
Devo dire che questa volta mi è piaciuto. E sono propenso a pensare che lo scorso anno ne ho provato un paio che non era "a posto" come preparazione perché lo avevo trovato un po' macchinoso.
Invece, quest'anno, ho ritrovato la stessa agilità che mi piace tanto dell'X9, ovviamente con le differenze dovute al maggiore raggio di sciancratura che ne fanno uno sci più filante e da curvoni.
Comunque, risulta molto agile e reattivo anche nelle curve di corto raggio, sul ripido, dove offre in ogni caso grande sicurezza di appoggio e di tenuta.
Ritratto completamente la recensione dello scorso anno: il G9 è un gran bello sci. Punto.

Voelkl raceTiger SL13 165cm
Premetto che non sono capace di sciare Slalom Speciale. Non sono proprio buono, perché arretro ed alla terza curva sono in crisi, se non per terra... :D
Ma ho voluto fare un paio di giri lo stesso, sciando tranquillo senza varcare la soglia di non ritorno... :rotfl:
Questo Voelkl è uno scietto facile, che perdona molto gli errori. Forse non ha le code particolarmente cattive e reattive come altri SL (soprattutto i FIS) e questo lo rende utilizzabile anche da chi non ha una tecnica sopraffina, soprattutto in termini di centralità.
Però, io non sono un tipo sa SL, non c'è nulla da fare. Le prime 15 cuve mi diverto, ma poi mi rompo le scatole di continuare a rimbazare da dx a sx e viceversa. Le mia gambe si stancano di fare 3500 curve a km... :P
Divertente, ma un giro all'anno a PMC, su SL mi basta e avanza.

Atomic Redster X9 181cm R16.2 piastra Race (attacchi rossi)
Ho riprovato ancora l'X9 perché mi era piaciuto troppo al sabato. Beh, un giorno dopo non ha fatto differenza. Resto dell'idea che questo sia lo sci che ho provato quest'anno che più mi è piaciuto.
Confermo tutto quanto detto di buono nelle righe sopra.



Come al solito ringrazio Mark per la splendida opportunità che tutti gli anni ci riserva. Ringrazio altresì tutte le case ed i ragazzi agli stand.
Faccio solo un piccolo appunto al fatto che quest'anno non tutti avevano tantissimi sci da provare, quindi magari si doveva attendere un po' più del solito che rientrassero gli attrezzi disponibili, che le misure lunghe sono un po' mancate e che mi sarebbe piaciuto poter provare quegli sci sui quali non ho trovato gli attacchi regolati per la mia misura di scarpa.
Ma nonostante queste piccole defaillances la compagnia è sempre il top e non smetterò mai di ringraziare Mark, le aziende e tutti i partecipanti per essere riusciti a creare un clima che credo sia davvero invidiabile.

Last but not least un grande plauso alla solita tavolata di viveri e beveraggi, alla griglia ed ai grigliatori, con due note di merito (a mio gusto personale) per la squisitisssssima porchetta e per il folkloristico spritzettino dalle cannucce lunghe un metro... :boing::boing::boing:

Alla prossima!

Sapete cosa significa cercare di imparare a sciare a 36 anni?
Rendersi conto di essersi persi trent'anni di divertimento! Ma meglio tardi che mai!


 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 96 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5 ... 7  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Discussioni simili
 Argomenti   Autore   Risposte   Visite    Ultimo messaggio 
Non ci sono nuovi messaggi in questo argomento. TEST ORNELLO PMC 2018/19 - 1/2/3/4 FEBBRAIO

[ Vai alla paginaVai alla pagina: 1, 2, 3, 4, 5 ]

markorny

65

9455

5 febbraio 2018, 15:44

petrus Vedi ultimo messaggio

Non ci sono nuovi messaggi in questo argomento. Allegato(i)RECENSIONI TEST SKI 2016/17 ORNELLO SPORT PMC 26/27 FEBBRAIO

[ Vai alla paginaVai alla pagina: 1 ... 10, 11, 12 ]

markorny

165

19488

19 aprile 2016, 17:17

Andre Vedi ultimo messaggio

Non ci sono nuovi messaggi in questo argomento. Allegato(i)RECENSIONI TEST SKI 2017/18 ORNELLO SPORT PMC 18/19 FEBBRAIO

[ Vai alla paginaVai alla pagina: 1 ... 4, 5, 6 ]

thefabius

89

8521

12 aprile 2017, 11:48

markorny Vedi ultimo messaggio

Non ci sono nuovi messaggi in questo argomento. Allegato(i)TEST ORNELLO PMC 2015/16....FOTO, TEST, RECENSIONI e di piu

[ Vai alla paginaVai alla pagina: 1 ... 26, 27, 28 ]

markorny

406

28044

16 marzo 2015, 15:21

angela treccani Vedi ultimo messaggio

Non ci sono nuovi messaggi in questo argomento. Allegato(i)TEST ORNELLO PMC .....25/28 febbraio 2016...........

[ Vai alla paginaVai alla pagina: 1 ... 10, 11, 12 ]

markorny

179

11725

2 marzo 2016, 14:53

valelura Vedi ultimo messaggio

 


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010
phpBB SEO - Credits: KKaio.com
Risoluzione minima consigliata: 1280x720 - Ottimizzato per browser: Microsoft Internet Explorer 9+ Mozilla Firefox 4+, Google Chrome, Apple Safari 5+
Privacy Policy Informativa cookie

Facebook

Ci trovi anche su Facebook

Pagina del Negozio Online


Pagina del Team Bike