EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Oggi è 20 luglio 2018, 0:39

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


AVVISO: attualmente stai visualizzando il forum come Ospite, Per usufruire di tutte le funzioni del Forum iscriviti o esegui l'accesso

Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 35 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3  Prossimo
Autore Messaggio
MessaggioInviato: 8 marzo 2017, 15:38 
Avatar utente
Non connesso
Livello utente:
Livello 4

Iscritto il: 4 febbraio 2011
Messaggi: 529
Località: Milano
Sci utilizzati: Head Ispeed 180
otaku ha scritto:
Allora, aggiorno un po' la situazione riguardo al mio problema. Ho fatto altre diverse uscite con gli scarponi, sempre indossandoli dopo averli scaldati con la borsa termica. Il dolore è quasi scomparso, ieri sono riuscito a sciare ininterrottamente dalle 8.30 alle 15.30 senza praticamente mai mollare gli scarponi. Quando scio non sento quasi mai male, mentre le fitte rispuntano fuori quando sono in posizione di "riposo", ad esempio quando sono seduto in seggiovia con gli scarponi appoggiati sul poggiapiedi. A fine giornata però si nota che la compressione c'è stata, perché mi accorgo che la zona in corrispondenza dell'osso (che io ho abbastanza sporgente in alto; forse è il 1° cuneiforme?) che si trova in linea con l'alluce prima della caviglia è gonfia e arrossata e dolente alla pressione.
La mia sciata con questi nuovi scarponi è migliorata notevolmente, ieri mi sembrava finalmente di riuscire a condurre come dio comanda invertendo con la rapidità necessaria. A fine stagione o a settembre tornerò da Mark per vedere di dare quella limatina necessaria per eliminare questo problema residuo...e comprare un paio di sci nuovi, spero!
Ciao a tutti!


Stesso tuo modello di scarponi, stessa tua storia e stesse sensazioni, quando si scia zero pressioni quando si è in seggiovia iniziano le pressioni sul collo del piede a mò di laccio emostatico...
Per assurdo ho provato a stringere un pelo di più i 2 ganci sul piede quando arrivo in seggiovia, in questo modo il piede non tende a scivolare in avanti, poi quando arrivo in cima rimetto il tutto in posizione sciata....a mè è migliorata molto la situazione.
Il mio punto di pressione è localizzato proprio sul collo ed in particolare all'altezza della boccola interna del 2 gancio che sporgendo all'interno, anche di pochissimo, da quel pizzico in meno di volume....se estrai la scarpetta dopo una sciata capisci subito dove è localizzata la pressione e "l'orma" che lascia la boccola almeno sulla mia sulla scarpetta è evidente....
Io aspetto ancora un pò prima di farlo eventualmente fresare, troppo bella la sensazione di precisione in fase di sciata che non vorrei perdere a scapito delle sensazioni in fase di riposo...

.....ci vuole sempre qualche cosa da bere ci vuole sempre vicino un bicchiere.......


 Profilo  
Rispondi citando  
 
MessaggioInviato: 8 marzo 2017, 17:36 
Avatar utente
Non connesso
Livello utente:
Livello 2

Iscritto il: 12 marzo 2010
Messaggi: 78
yesm1 ha scritto:

Stesso tuo modello di scarponi, stessa tua storia e stesse sensazioni, quando si scia zero pressioni quando si è in seggiovia iniziano le pressioni sul collo del piede a mò di laccio emostatico...
Per assurdo ho provato a stringere un pelo di più i 2 ganci sul piede quando arrivo in seggiovia, in questo modo il piede non tende a scivolare in avanti, poi quando arrivo in cima rimetto il tutto in posizione sciata....a mè è migliorata molto la situazione.
Il mio punto di pressione è localizzato proprio sul collo ed in particolare all'altezza della boccola interna del 2 gancio che sporgendo all'interno, anche di pochissimo, da quel pizzico in meno di volume....se estrai la scarpetta dopo una sciata capisci subito dove è localizzata la pressione e "l'orma" che lascia la boccola almeno sulla mia sulla scarpetta è evidente....
Io aspetto ancora un pò prima di farlo eventualmente fresare, troppo bella la sensazione di precisione in fase di sciata che non vorrei perdere a scapito delle sensazioni in fase di riposo...


Esatto! Il mio punto dolente è lo stesso del tuo, dove c'è la boccola interna del 2° gancio, proprio quello! Anche sulla mia scarpetta si vede l'impronta circolare sulla scarpetta, evidentemente l'anatomia del nostro piede è molto simile, e spinge quindi la scarpetta in alto contro la boccola. Io non so se riuscirò a fare qualche altra uscita questa stagione per dare ulteriore tempo allo scarpone di modellarsi, sul mio piede, vedremo, comunque a quanto ho capito anche dopo la fresatura la scarpa non dovrebbe risentirne in termini di performance.


 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: 8 marzo 2017, 19:33 
Avatar utente
Non connesso
Livello utente:
Livello 4

Iscritto il: 4 febbraio 2011
Messaggi: 529
Località: Milano
Sci utilizzati: Head Ispeed 180
otaku ha scritto:
yesm1 ha scritto:

Stesso tuo modello di scarponi, stessa tua storia e stesse sensazioni, quando si scia zero pressioni quando si è in seggiovia iniziano le pressioni sul collo del piede a mò di laccio emostatico...
Per assurdo ho provato a stringere un pelo di più i 2 ganci sul piede quando arrivo in seggiovia, in questo modo il piede non tende a scivolare in avanti, poi quando arrivo in cima rimetto il tutto in posizione sciata....a mè è migliorata molto la situazione.
Il mio punto di pressione è localizzato proprio sul collo ed in particolare all'altezza della boccola interna del 2 gancio che sporgendo all'interno, anche di pochissimo, da quel pizzico in meno di volume....se estrai la scarpetta dopo una sciata capisci subito dove è localizzata la pressione e "l'orma" che lascia la boccola almeno sulla mia sulla scarpetta è evidente....
Io aspetto ancora un pò prima di farlo eventualmente fresare, troppo bella la sensazione di precisione in fase di sciata che non vorrei perdere a scapito delle sensazioni in fase di riposo...


Esatto! Il mio punto dolente è lo stesso del tuo, dove c'è la boccola interna del 2° gancio, proprio quello! Anche sulla mia scarpetta si vede l'impronta circolare sulla scarpetta, evidentemente l'anatomia del nostro piede è molto simile, e spinge quindi la scarpetta in alto contro la boccola. Io non so se riuscirò a fare qualche altra uscita questa stagione per dare ulteriore tempo allo scarpone di modellarsi, sul mio piede, vedremo, comunque a quanto ho capito anche dopo la fresatura la scarpa non dovrebbe risentirne in termini di performance.


L'anno scorso appena preso da Mark lo scarpone e sciato con temperature "rigide" il problema era al minimo, con l'alzarsi della temperatura e sopratutto quest'anno, che ho sciato con temperature nettamente superiori, lo scarpone stringe di più, per cui abbi fede...aspetta ancora, questo è stato un'inverno un pò strano...
E poi non è vero che se fresi rimane performante uguale, mi spiego meglio, lo scarpone rimane sicuramente performante, ma cala la tua sensibilità (magari non subito ma con il tempo) , maggiori volumi attorno al piede = minore precisione....è il cane che si morde la coda.
Tuttavia potresti fresare la zeppa e procuratene una di scorta, così quando lo scarpone cederà un pelo puoi rimontare la zeppa nuova ed avere la medesima "precisione" :wink:

.....ci vuole sempre qualche cosa da bere ci vuole sempre vicino un bicchiere.......


 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: 9 marzo 2017, 11:35 
Avatar utente
Non connesso
Livello utente:
Livello 2

Iscritto il: 12 marzo 2010
Messaggi: 78
yesm1 ha scritto:

L'anno scorso appena preso da Mark lo scarpone e sciato con temperature "rigide" il problema era al minimo, con l'alzarsi della temperatura e sopratutto quest'anno, che ho sciato con temperature nettamente superiori, lo scarpone stringe di più, per cui abbi fede...aspetta ancora, questo è stato un'inverno un pò strano...
E poi non è vero che se fresi rimane performante uguale, mi spiego meglio, lo scarpone rimane sicuramente performante, ma cala la tua sensibilità (magari non subito ma con il tempo) , maggiori volumi attorno al piede = minore precisione....è il cane che si morde la coda.
Tuttavia potresti fresare la zeppa e procuratene una di scorta, così quando lo scarpone cederà un pelo puoi rimontare la zeppa nuova ed avere la medesima "precisione" :wink:


Guarda, se si trattasse solo di soffrire un po' in seggiovia li terrei tranquillamente così e aspetterei ancora...ma il mio problema è che allo stato attuale l'infiammazione provocata dalla compressione prolungata di quella zona del piede nei giorni successivi alla sciata è tale che non posso più mettere lo scarpone, devo far passare 4-5 giorni trattando l'infiammazione con Il Voltaren affinché si sgonfi prima di tornare a sciare. Quindi non posso neanche fare più uscite ravvicinate, cosa che immagino aiuterebbe lo scarpone ad adattarsi, quindi dovrò necessariamente cercare un compromesso fra precisione dell'avvolgimento e della sciata, e assenza di compressioni eccessive. Oppure dovrei farmi limare un po' quel maledetto osso del piede! :wink:


 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: 9 marzo 2017, 22:26 
Avatar utente
Non connesso
Livello utente:
Livello 1

Iscritto il: 6 giugno 2016
Messaggi: 19
Località: Roma
Sci utilizzati: Head SSS 177
Ragazzi siete fantastici!ho puntato i raptor rs140,salvo sconsigli del mantovano, e leggere le vostre osservazioni mi aiuta a capire meglio la percezione dei miei piedi.
Thanks


 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: 10 marzo 2017, 12:01 
Avatar utente
Non connesso
Livello utente:
Livello 10

Iscritto il: 13 giugno 2007
Messaggi: 7758
Località: Isla TF.es
Sci utilizzati: Ora lunghi-lunghi, stretti-stretti, alternati!
otaku ha scritto:
yesm1 ha scritto:

L'anno scorso appena preso da Mark lo scarpone e sciato con temperature "rigide" il problema era al minimo, con l'alzarsi della temperatura e sopratutto quest'anno, che ho sciato con temperature nettamente superiori, lo scarpone stringe di più, per cui abbi fede...aspetta ancora, questo è stato un'inverno un pò strano...
E poi non è vero che se fresi rimane performante uguale, mi spiego meglio, lo scarpone rimane sicuramente performante, ma cala la tua sensibilità (magari non subito ma con il tempo) , maggiori volumi attorno al piede = minore precisione....è il cane che si morde la coda.
Tuttavia potresti fresare la zeppa e procuratene una di scorta, così quando lo scarpone cederà un pelo puoi rimontare la zeppa nuova ed avere la medesima "precisione" :wink:


Guarda, se si trattasse solo di soffrire un po' in seggiovia li terrei tranquillamente così e aspetterei ancora...ma il mio problema è che allo stato attuale l'infiammazione provocata dalla compressione prolungata di quella zona del piede nei giorni successivi alla sciata è tale che non posso più mettere lo scarpone, devo far passare 4-5 giorni trattando l'infiammazione con Il Voltaren affinché si sgonfi prima di tornare a sciare. Quindi non posso neanche fare più uscite ravvicinate, cosa che immagino aiuterebbe lo scarpone ad adattarsi, quindi dovrò necessariamente cercare un compromesso fra precisione dell'avvolgimento e della sciata, e assenza di compressioni eccessive. Oppure dovrei farmi limare un po' quel maledetto osso del piede! :wink:


SE si arriva sino al Voltaren non e' troppo fasciato, ma ingessato!!!!
Per cui eventuali modifiche non inficerebbero la precisione e l'avvolgimento, quindi anche la qualita' della sciata.

....................................................Immagine..........................................


 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: 10 marzo 2017, 19:23 
Avatar utente
Non connesso
Livello utente:
Livello 4

Iscritto il: 4 febbraio 2011
Messaggi: 529
Località: Milano
Sci utilizzati: Head Ispeed 180
otaku ha scritto:
yesm1 ha scritto:

L'anno scorso appena preso da Mark lo scarpone e sciato con temperature "rigide" il problema era al minimo, con l'alzarsi della temperatura e sopratutto quest'anno, che ho sciato con temperature nettamente superiori, lo scarpone stringe di più, per cui abbi fede...aspetta ancora, questo è stato un'inverno un pò strano...
E poi non è vero che se fresi rimane performante uguale, mi spiego meglio, lo scarpone rimane sicuramente performante, ma cala la tua sensibilità (magari non subito ma con il tempo) , maggiori volumi attorno al piede = minore precisione....è il cane che si morde la coda.
Tuttavia potresti fresare la zeppa e procuratene una di scorta, così quando lo scarpone cederà un pelo puoi rimontare la zeppa nuova ed avere la medesima "precisione" :wink:


Guarda, se si trattasse solo di soffrire un po' in seggiovia li terrei tranquillamente così e aspetterei ancora...ma il mio problema è che allo stato attuale l'infiammazione provocata dalla compressione prolungata di quella zona del piede nei giorni successivi alla sciata è tale che non posso più mettere lo scarpone, devo far passare 4-5 giorni trattando l'infiammazione con Il Voltaren affinché si sgonfi prima di tornare a sciare. Quindi non posso neanche fare più uscite ravvicinate, cosa che immagino aiuterebbe lo scarpone ad adattarsi, quindi dovrò necessariamente cercare un compromesso fra precisione dell'avvolgimento e della sciata, e assenza di compressioni eccessive. Oppure dovrei farmi limare un po' quel maledetto osso del piede! :wink:


No vabè a questi livelli no il mio è un fastidio anche un filino dolorosetto sul finire della giornata ma niente di paragonabile con quanto descrivi.
Vai di fresa!!!

.....ci vuole sempre qualche cosa da bere ci vuole sempre vicino un bicchiere.......


 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: 14 maggio 2017, 10:38 
Avatar utente
Non connesso
Livello utente:
Livello 2

Iscritto il: 12 marzo 2010
Messaggi: 78
vi chiedo un consiglio (anche a Mark se legge): per prenotare un appuntamento verso metà settembre per sistemazione scarponi ed acquisto sci, entro quando è meglio chiamare?


 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: 15 maggio 2017, 10:51 
Avatar utente
Non connesso
Livello utente:
Livello 6

Iscritto il: 16 ottobre 2013
Messaggi: 1559
Località: Garda Lake
Sci utilizzati: Master M-18, X-Drive 8.8 179, Ranger 108Ti 188,
otaku ha scritto:
vi chiedo un consiglio (anche a Mark se legge): per prenotare un appuntamento verso metà settembre per sistemazione scarponi ed acquisto sci, entro quando è meglio chiamare?


Prima chiami meglio è... anche questa settimana. :D

ImmagineImmagine
Immagine


 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: 9 novembre 2017, 14:58 
Avatar utente
Non connesso
Livello utente:
Livello 2

Iscritto il: 12 marzo 2010
Messaggi: 78
Apro questo post per ringraziare Mark e Matteo: ieri pomeriggio sono tornato nella cripta (insolitamente tranquilla...non c'era nessuno e Mark invece che essere impegnato con gli scarponi stava combattendo con qualche problema informatico al pc) per sistemare il mio scarpone destro.
Dopo aver indicato la zona (abbastanza circoscritta) del collo del piede dx incriminata, Mark mi ha fresato leggermente la soletta, e poi mi ha anche dato dei plantari/solette ribassati da inserire negli scarponi al posto di quelli originali. Ho quindi ricalzato lo scarpone, e il dolore da schiacciamento (che avevo ben presente, perché avevo riprovato lo scarpone a casa l'altro ieri per memorizzare le sensazioni) è sparito, e la pressione sul collo del piede è diminuita e sopratutto distribuita più uniformemente...insomma la corretta sensazione di avvolgimento che avevo sullo scarpone sinistro, che invece era perfetto fin dall'inizio. Finita la sistemazione ho fatto chiacchiere con Matteo sugli sci allmountain-freeride, mondo a cui vorrei piano piano avvicinarmi, e lo ringrazio per avermi fatto capire alcune cose sull'importanza della piastra ai fini della performance dello sci, nonché sulle tipologie di scarponi eventualmente utilizzabili con questo tipo di sci.
Ora non vedo l'ora di riprovare il Raptor Rs140 sulla neve, perché il mio livello di sciata, dolore a parte, con questi scarponi era migliorato tantissimo, e viste le premesse chissà che a fine mese non possa già metterlo/mettermi alla prova.
Non amo molto Facebook e ho preferito scrivere qui i miei ringraziamenti, ciao e grazie ancora Mark e Matteo!


 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: 9 novembre 2017, 17:23 
Avatar utente
Non connesso
Livello utente:
Livello 9

Iscritto il: 7 aprile 2008
Messaggi: 5654
Località: Roma
Sci utilizzati: Head iSL RD, Head REV 85
Ottimo Otaku, grazie mille e buone sciate!

thefabius!


 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: 10 aprile 2018, 13:24 
Avatar utente
Non connesso
Livello utente:
Livello 2

Iscritto il: 12 marzo 2010
Messaggi: 78
Continuo qui la discussione sui miei scarponi per chiedere alcuni pareri ai più esperti. Ho concluso la mia stagione 17/18 sugli sci e mi stavo chiedendo alcune cose. Diciamo che ho fatto, da quando lo ho acquistati, una 15 di giorni sciistici con gli scarponi, usandoli quasi sempre dalla mattina a fine giornata. Come stile di sciata diciamo che sono mediamente aggressivo.
Il primo dubbio che ho è: Mak mi ha montato sotto la pianta degli spessori, dicendomi che andrebbero sostituiti ogni tot....il problema è che non mi ricordo esattamente quant'è quel tot :(
Voi come vi regolate di solito? Tenete conto anche che dove vado più spesso a sciare, dall'auto alla pista devo camminare un po' su fondo sterrato che a inizio stagione è ghiacciato di solito, ma verso fine stagione diventa un mix di ghiaia e sassi tutt'altro che piacevole da calpestare.

Il secondo dubbio è sulla durata in genere degli scarponi: perché nelle ultime sciate mi sono accorto che, mentre a livello di pianta e dorso del piede è tutto ok dopo le modifiche fatte, il tallone tende leggermente a muoversi, nello specifico a sollevarsi leggermente dentro lo scarpone quando forzo un po' di più, e di conseguenza devo chiudere lo scarpone quasi al massimo per cercare di bloccarlo meglio. Che ne pensate?


 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: 10 aprile 2018, 16:37 
Avatar utente
Non connesso
Livello utente:
Livello 4

Iscritto il: 4 febbraio 2011
Messaggi: 529
Località: Milano
Sci utilizzati: Head Ispeed 180
yesm1 ha scritto:
otaku ha scritto:
yesm1 ha scritto:
E poi non è vero che se fresi rimane performante uguale, mi spiego meglio, lo scarpone rimane sicuramente performante, ma cala la tua sensibilità (magari non subito ma con il tempo) , maggiori volumi attorno al piede = minore precisione....è il cane che si morde la coda.
Tuttavia potresti fresare la zeppa e procuratene una di scorta, così quando lo scarpone cederà un pelo puoi rimontare la zeppa nuova ed avere la medesima "precisione" :wink:


Poi non dire che non te l'avevamo detto........scherzo ovviamente....ma non troppo :D:D

.....ci vuole sempre qualche cosa da bere ci vuole sempre vicino un bicchiere.......


 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: 10 aprile 2018, 16:48 
Avatar utente
Non connesso
Livello utente:
Livello 4

Iscritto il: 4 febbraio 2011
Messaggi: 529
Località: Milano
Sci utilizzati: Head Ispeed 180
Se ti ricordi io avevo il tuo stesso problema, forse meno accentuato, mi sono tenuto gli scarponi così ma ora benedico la scelta.
Ricompensa lo "slabbramento" dello scarpone (che termine tecnico!!!! :D:D) , con la soletta originale togliendo quella ribassata.
Dovrebbe funzionare.
Mi fa però specie quando scrivi che devi chiudere tutto il gancio della caviglia per sentirti bloccato, ma è una cosa che ti capita occasionalmente a fine giornata o in giornate magari "calde" o è sempre così?

.....ci vuole sempre qualche cosa da bere ci vuole sempre vicino un bicchiere.......


 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: 11 aprile 2018, 11:39 
Avatar utente
Non connesso
Livello utente:
Livello 2

Iscritto il: 12 marzo 2010
Messaggi: 78
yesm1 ha scritto:
Se ti ricordi io avevo il tuo stesso problema, forse meno accentuato, mi sono tenuto gli scarponi così ma ora benedico la scelta.
Ricompensa lo "slabbramento" dello scarpone (che termine tecnico!!!! :D:D) , con la soletta originale togliendo quella ribassata.
Dovrebbe funzionare.
Mi fa però specie quando scrivi che devi chiudere tutto il gancio della caviglia per sentirti bloccato, ma è una cosa che ti capita occasionalmente a fine giornata o in giornate magari "calde" o è sempre così?


Ciao, sì, ricordo, ma ricordo anche che il tuo problema non era così accentuato come nel mio caso. Ho riprovato una volta a rimettere la soletta originale, ma il fastidio in zona collo del piede si era manifestato di nuovo, anche se non così accentuato come prima. Dovendo tenere gli scarponi tutto il giorno, ho preferito ritornare alla soletta ribassata. Comunque non so se ci sia una correlazione necessaria con il problema alla caviglia, mi sembra che l'avvolgimento in generale tutto attorno alla caviglia si sia attenuato, può darsi che io abbia un tallone più magro della norma e che la scarpetta interna, adattandosi al piede con le varie sciate, si sia forse un po' ammorbidita in quella zona creando una situazione di "lasco".
La stagione prossima (ormai, sigh!) farò una prova mettendo la soletta standard sul sinistro e quella ribassata sul destro per vedere se sento differenze, comunque, rispondendo alla tua ultima domanda, nelle ultime sciate mi sono accorto che devo stringere molto prima nella giornata di quanto non facevo nelle prime sciate.
In generale, comunque, qual è la "vita media" di uno scarpone come il nostro?


 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 35 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Discussioni simili
 Argomenti   Autore   Risposte   Visite    Ultimo messaggio 
Non ci sono nuovi messaggi in questo argomento. DOLORE AL MIGNOLO CON SCARPONI HEAD VECTOR 100 - PROBLEMA

Leos_14

4

363

11 novembre 2015, 1:11

Leos_14 Vedi ultimo messaggio

Non ci sono nuovi messaggi in questo argomento. collo del piede Dalbello DRS WC contro Scorpion SR130/LangeZ

[ Vai alla paginaVai alla pagina: 1, 2 ]

theorist

26

1802

25 ottobre 2016, 1:46

giò Vedi ultimo messaggio

Non ci sono nuovi messaggi in questo argomento. Problema scarponi Head Raptor

Teo77

3

651

24 gennaio 2017, 18:12

markorny Vedi ultimo messaggio

Non ci sono nuovi messaggi in questo argomento. Problema piede destro

[ Vai alla paginaVai alla pagina: 1, 2 ]

Alessio

23

2204

12 febbraio 2009, 18:52

Super Papero Vedi ultimo messaggio

Non ci sono nuovi messaggi in questo argomento. PROBLEMA SCARPONI, PIEDE SOTTILE

[ Vai alla paginaVai alla pagina: 1, 2, 3 ]

KAMI

43

2473

11 gennaio 2015, 23:24

markorny Vedi ultimo messaggio

 


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010
phpBB SEO - Credits: KKaio.com
Risoluzione minima consigliata: 1280x720 - Ottimizzato per browser: Microsoft Internet Explorer 9+ Mozilla Firefox 4+, Google Chrome, Apple Safari 5+
Privacy Policy Informativa cookie

Facebook

Ci trovi anche su Facebook

Pagina del Negozio Online


Pagina del Team Bike